•  

    IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA: L'AUTORIZZAZIONE UNICA NON ESIME DALL'APPLICAZIONE DEL TESTO UNICO ESPROPRI

    La possibilità offerta dall'art. 12 del d.lgs. n. 387/2003 di far confluire, nell'ambito di una procedura per la costruzione e l'esercizio degli impianti di produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili finalizzata al rilascio di un'autorizzazione unica, anche le opere connesse e le infrastrutture indispensabili alla costruzione ed all'esercizio degli impianti stessi (fra cui sono sicuramente da annoverare anche le eventuali procedure espropriative), non può certamente implicare anche che l'eventuale subprocedimento espropriativo incidentale rimanga confuso ed indistinto nell'ambito delle predetta complessa procedura in modo tale da farsi luogo alla disapplicazione di tutte le regole proprie della procedura espropriativa poste anzitutto a presidio dei diritto del proprietario espropriando, ivi compresa l’applicazione dell’art. 17, co. 2 del testo unico delle espropriazioni che impone la notifica individuale all'ablato del provvedimento che dichiara la pubblica utilità.

     Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.