•  

    NON SI APPLICANO AL 42 BIS LE DISPOSIZIONI SUL DISSESTO FINANZIARIO DEGLI ENTI LOCALI

    Il sopravvenuto dissesto dell’ente locale inibisce l’inizio o la prosecuzione delle azioni esecutive individuali che hanno per oggetto il pagamento di somme di denaro già liquide ed esigibili; giacché l’obbligazione indennitaria di cui al provvedimento di acquisizione coattiva ai sensi dell’art. 42-bis TU espropriazioni può sorgere soltanto dal momento della formalizzazione dell’acquisizione ex art. 42 bis cit. e in forza di questa, la corresponsione del relativo indennizzo esula dalle competenze dell’Organo straordinario di liquidazione e grava sull’ordinaria gestione dell’Ente debitore, con il corollario dell’inapplicabilità al provvedimento di acquisizione coattiva ai sensi dell’art. 42-bis TU espropriazioni, come pure alle somme in esso contemplate, del disposto degli artt. 243-bis e 248 TUEL.

     Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.