•  

    LA POSSIBILITÀ CHE IL PRIVATO POSSA UNILATERALMENTE RINUNCIARE ALLA PROPRIETÀ DEL BENE ILLEGITTIMAMENTE OCCUPATO CONTRASTA CON L'ART. 42 BIS

    La possibilità che un privato possa unilateralmente e legittimamente rinunciare alla proprietà del bene immobile, acquisendo il diritto ad ottenere un risarcimento commisurato al valore venale di esso, anche a prescindere dalla adozione di un decreto di acquisizione non retroattiva, deve essere esclusa alla luce della disciplina imperativa contenuta nell’art. 42-bis, d.P.R. n. 327 cit., che rappresenta l’unico riferimento normativo, dotato di efficacia imperativa, predisposto per tutti i casi in cui una pubblica autorità faccia uso senza titolo di un bene immobile privato per scopi di interesse pubblico.

     Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.