Notizie

 
Testo:
  [Accesso riservato agli abbonati]


TUTTE LE NOTIZIE

 Pagina  di 626   

IL PROVVEDIMENTO DI ACQUISIZIONE SANANTE DEVE ESSERE SPECIFICAMENTE MOTIVATO IN RIFERIMENTO ALLE ECCEZIONALI RAGIONI DI INTERESSE PUBBLICO
03/04/2020
Il provvedimento di acquisizione, recante l'indicazione delle circostanze che hanno condotto alla indebita utilizzazione dell'area e se possibile la data dalla quale essa ha avuto inizio, è specificamente motivato in riferimento alle attuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico che ne giustificano l'emanazione, valutate comparativamente con [...]

CON LA RINUNCIA ABDICATIVA IL PROPRIETARIO PERDE IL DANNO MORALE PREVISTO DAL 42-BIS
03/04/2020
In caso di rinuncia abdicativa non spetta, in difetto di prova specifica, alcuna liquidazione in misura forfettaria del danno non patrimoniale in quanto ciò è previsto dall'art. 42-bis, commi 1 e 5, solo in caso di acquisizione del bene con decreto della p.a.. [...]

LA RITENUTA FISCALE SULL'INDENNITÀ NON È CONTRARIA ALLA CEDU
02/04/2020
È manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale della L. n. 413 del 1991, art. 11, in relazione all'art. 117 Cost., ed altresì con riferimento all'art. 1 del Primo Protocollo addizionale alla CEDU, nella parte in cui prevede la tassazione delle plusvalenze conseguenti alla percezione dell'indennità di esproprio ed anche del ri [...]

LA CARENZA DI RISORSE FINANZIARIE NON È UNA VALIDA GIUSTIFICAZIONE DELLA PROTRATTA OCCUPAZIONE SINE TITULO A CUI È NECESSARIO PORRE TERMINE
02/04/2020
La carenza di risorse finanziarie non rappresenta in ogni caso valida giustificazione della protratta occupazione di terreni altrui sine titulo, dovendo l'amministrazione porre termine, con una delle modalità configurate nell'ordinamento. [...]

LA RINNOVAZIONE DELLA PROCEDURA ESPROPRIATIVA CREA UNA SOLUZIONE DI CONTINUITÀ SUL PIANO DELLA LESIONE E DEL CONTENZIOSO RISPETTO A QUELLA ORIGINARIA
02/04/2020
La rinnovazione della procedura espropriativa per pubblico interesse opera sempre in termini di soluzione di continuità rispetto alla pregressa fase, alla quale non ha possibilità di raccordarsi ex tunc, con la conseguenza che l'eventuale contenzioso sulla nuova procedura non va esercitato mediante motivi aggiunti al contenzioso sulla procedura ori [...]

IN CASO DI ACQUISIZIONE DEL BENE ILLEGITTIMAMENTE OCCUPATO LA SOMMA DOVUTA PER L'INDENNIZZO EX ART. 42 BIS C. 3 TUES NON NECESSITA DI RIVALUTAZIONE
01/04/2020
Con riferimento all'acquisizione del bene illegittimamente occupato, l'art. 42 bis, c. 3 T.U.Es. prevede la corresponsione di un indennizzo determinato in misura corrispondente al valore venale del bene e con riferimento al momento del trasferimento della proprietà di esso, sicché non vengono in considerazione somme che necessitano di una rivalutaz [...]

L'ACCORDO PRELIMINARE DI CESSIONE VOLONTARIA HA CONTENUTO OBBLIGATORIO, L'ATTO DI CESSIONE VOLONTARIA HA EFFETTO TRASLATIVO
01/04/2020
È ben evidente la differenza tra un accordo preliminare di cessione bonaria, inteso quale species del genus del contratto preliminare, e un accordo di cessione bonaria, costituente contratto con efficacia traslativa, poiché il primo impegna le parti a prestare in un momento successivo il consenso al trasferimento del bene, mentre il secondo realizz [...]

IL MERCATO IMMOBILIARE RISENTE DI VARIABILI MACROECONOMICHE DIVERSE DALLA FLUTTUAZIONE DELLA MONETA NEL TEMPO
01/04/2020
La determinazione dell'indennità di esproprio va operata con esclusivo riferimento al valore di mercato del bene al momento dell'emanazione del decreto di espropriazione. Peraltro, poiché il mercato immobiliare risente di variabili macroeconomiche diverse dalla fluttuazione della moneta nel tempo, anche se a questa parzialmente legate, e di condizi [...]

ALLA SCADENZA DEL TERMINE QUINQUENNALE DEL VINCOLO PREORDINATO ALL'ESPROPRIO, IL COMUNE HA L'OBBLIGO DI PROVVEDERE ALLA NUOVA DESTINAZIONE
01/04/2020
Alla scadenza del termine quinquennale di durata dei vincoli preordinati all'esproprio sorge l'obbligo dell'amministrazione a provvedere in merito alla nuova destinazione, ferma restando, nelle more l'applicazione della disciplina delle c.d. "zone bianche". In caso di inadempimento del succitato obbligo, il privato matura il diritto ad agire, ai se [...]

L'INSERIMENTO DEL DEBITO NEL PIANO DI RIENTRO PRECLUDE L'AZIONE DI OTTEMPERANZA DI SENTENZA DETERMINATIVA DELL'INDENNITÀ
01/04/2020
Dall'inserimento del debito nel piano di rientro dall'indebitamento pregresso consegue la preclusione dell'azione di ottemperanza ad una sentenza di Corte d'Appello dichiarativa dell'obbligo di deposito dell'indennità, ai sensi dell'articolo 248, comma 2, del Testo Unico degli enti locali di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267. [...]

IL TERMINE DELLA PRESCRIZIONE DEL DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO INIZIA A DECORRERE DALLA DOMANDA INTRODUTTIVA DEL GIUDIZIO
31/03/2020
Il termine della prescrizione del diritto al risarcimento del danno da occupazione illegittima inizia a decorrere dalla domanda introduttiva del giudizio, nel quale il proprietario richieda il controvalore dell'immobile, con i relativi accessori, incompatibile con il perdurare del suo diritto dominicale su di esso. [...]

È INFONDATA LA DOMANDA VOLTA A OTTENERE IL RISARCIMENTO PER LA PERDITA DELLA PROPRIETÀ DA OCCUPAZIONE ACQUISITIVA O DA RINUNCIA ABDICATIVA
31/03/2020
La domanda volta a ottenere il risarcimento del danno per la perdita della proprietà del terreno illegittimamente occupato dalla p.a. non è fondata, non potendosi ritenere verificata la causa petendi sulla quale è radicata, e cioè l'intervenuto acquisto in proprietà di detto terreno in forza della così detta occupazione acquisitiva, istituto da ri [...]

LA COMUNICAZIONE EX ART. 17 NON È IMPUGNABILE
31/03/2020
La comunicazione ex art. 17 TUEs non ha natura espropriativa, ma esclusivamente informativa, senza comportare alcun effetto provvedimentale lesivo dei diritti e degli interessi dei ricorrenti. Essa pertanto non è impugnabile, in quanto l'eventuale suo annullamento non potrebbe quindi comportare alcun concreto beneficio in materia di tutela di situa [...]

ART. 21: L'AMMINISTRAZIONE HA L'OBBLIGO DI PROVVEDERE A SEGUITO DELL'ISTANZA DI ATTIVAZIONE E CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO
31/03/2020
Il ricorso avverso il silenzio può applicarsi con riferimento all'obbligo della p.a. di provvedere in ordine all'istanza di attivazione del sub-procedimento di cui all'art. 21, d.P.R. 8 giugno 2001 n. 327, e ciò perché in tali casi, il procedimento ex art. 31 e 117 cpa è finalizzato (unicamente) ad ottenere che la p.a. ponga in essere un incombente [...]

OVE IL PROVVEDIMENTO DI ACQUISIZIONE TRAGGA ORIGINE E CAUSA NEGLI ESITI DI UN GIUDIZIO DI PRIMO GRADO, ESSO IMPATTA SULLA PROCEDIBILITÀ DELL'APPELLO
30/03/2020
La circostanza che il provvedimento di acquisizione sanante tragga origine e causa negli esiti del giudizio di primo grado, ne impongono la collocazione a valle e non a monte dello stesso, sì da impattare sulla procedibilità dell'appello, piuttosto che su quella del giudizio di primo grado, i cui effetti conformativi necessitano di essere salvaguar [...]

AZIONE RISARCITORIA: L'ONERE PROBATORIO NON PUÒ ESSERE SURROGATO DALLA RICHIESTA DI CTU
30/03/2020
È infondata la domanda risarcitoria formulata in maniera del tutto generica in punto di quantificazione del danno, venendo meno al proprio specifico onere probatorio, che non può essere surrogato dalla richiesta di consulenza tecnica d'ufficio. [...]

PROVINCIA DI TN: LA MANCATA IMPUGNAZIONE DELLA P.U. PER ASSENZA DEL VINCOLO PRECLUDE L'IMPUGNABILITÀ DEL DECRETO DI ESPROPRIO PER TALE VIZIO
30/03/2020
In Provincia di Trento, la mancata tempestiva impugnazione della dichiarazione di pubblica utilità per un vizio riguardante il vincolo preordinato all'esproprio, che lo presuppone, rende inammissibile sia la tempestiva impugnazione del decreto di espropriazione non per vizi suoi propri, sia la tardiva impugnazione degli atti presupposti. [...]

L'INTAVOLAZIONE NEL LIBRO FONDIARIO NON È CONDIZIONE DI EFFICACIA DEL DECRETO DI ESPROPRIO PER IL QUALE SVOLGE UNA MERA FUNZIONE DI PUBBLICITÀ NOTIZIA
30/03/2020
Fra gli atti soggetti a trascrizione, ai sensi e per gli effetti di cui agli artt. 2643 ss. cod. civ., non si può ricomprendere il decreto di espropriazione per pubblica utilità, con riguardo al quale la trascrizione (o, nei territori in cui vige il sistema tavolare, l'iscrizione nel libro fondiario) assolve ad una mera funzione di pubblicità-notiz [...]

L'INDENNITÀ AGGIUNTIVA NON SPETTA ALL'IMPRENDITORE AGRICOLO
27/03/2020
Il D.P.R. n. 327 del 2001, art. 37, comma 9, nel riconoscere il diritto alla cd. indennità aggiuntiva in favore dei soggetti che traggono i propri mezzi di sussistenza dalla coltivazione del suolo, ne condiziona la concreta erogazione, oltre che alla titolarità di uno dei rapporti agrari tipici, all'utilizzazione agraria del terreno, ravvisabile in [...]

ISTANZA DI ACQUISIZIONE SANANTE: LA P.A. NON PUÒ RISPONDERE IN MODO INTERLOCUTORIO MA DEVE ASSUMERE UNA POSIZIONE NETTA
27/03/2020
Il cittadino, ogni qualvolta rivolge alla medesima P.a. una istanza meritevole di considerazione in quanto avente ad oggetto un bene della vita da conseguire o preservare e non pretestuosa o priva di razionalità, vanta una qualificata aspettativa di ottenere un provvedimento capace di esternare la volontà della P.a. avuto riguardo alla fattispecie [...]

 Pagina  di 626