INDENNITÀ DI OCCUPAZIONE: COMPETENZA DELLA CDA INDEROGABILE PER MOTIVI DI CONNESSIONE

Le controversie riguardanti la determinazione e la corresponsione delle indennità di occupazione legittima dovute in conseguenza di atti ablativi, ai sensi del D.Lgs. n. 327 del 2001, art. 53, comma 2 (oggi art. 133, comma 1, lett. g) c.p.a.), appartengono alla giurisdizione del giudice ordinario in unico grado, da individuarsi nella Corte d'appello territorialmente competente. Per il principio generale dell'inderogabilità della giurisdizione per motivi di connessione, non rileva che la domanda di liquidazione della predetta indennità sia stata proposta dagli attori unitamente a quella di risarcimento del danno da perdita del terreno, spettante alla giurisdizione del giudice amministrativo.

 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a :