DESTINAZIONE A PARCHEGGIO PUBBLICO: ILLEGITTIMO IL SILENZIO SU ISTANZA DI RIPIANIFICAZIONE

Il ricorso avverso il silenzio su istanza di ripianificazione di area soggetta a vincolo espropriativo decaduto (nella fattispecie: zona destinata a parcheggio pubblico) è fondato, attesa la violazione del principio generale consacrato nell’art. 2 della L. n. 241 del 1990, secondo cui la P. A. ha il dovere di concludere il procedimento (nel caso di specie avviato ad istanza di parte) mediante l’adozione di un provvedimento espresso, quale che sia il suo contenuto.

 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a :