INDENNITÀ DI ESPROPRIO: DEBITO DI VALUTA

Il debito conseguente alla liquidazione dell'indennità di espropriazione, anche laddove essa sia dovuta in adempimento di una cessione volontaria, ha natura di debito di valuta, sicché esso, all'esito della liquidazione che ne opera la Corte d'Appello, non è suscettibile di automatica rivalutazione e può essere solo fonte di un'obbligazione per interessi compensativi decorrenti dalla data dell'espropriazione.

 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a :