LEGITTIMO UN ACCESSO AGLI ATTI DI UN ESPROPRIO DEGLI ANNI SESSANTA

Non è revocabile in dubbio la posizione legittimante del richiedente accesso agli atti, in ragione dell’interesse sostanziale originato dalla sua qualità, in capo a comproprietario di fondo appreso da ente pubblico per realizzarvi un fabbricato, finalizzato a conoscere la effettiva destinazione del fabbricato, e a prendere visione degli eventuali provvedimenti amministrativi, quali i decreti di occupazione d’urgenza, i verbali di consistenza, i decreti definitivi di esproprio e/o, in mancanza, eventuali atti di cessione bonaria del terreno, provvedimenti di pagamento delle somme, unitamente a copia di tutti gli atti tecnici riguardanti l’esecuzione dell’opera.

 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a :