LA DESTINAZIONE A «VERDE DI PERMEABILITÀ ECOLOGICA» NON HA NATURA DI VINCOLO ESPROPRIATIVO

Una destinazione a «verde di permeabilità ecologica», (orti per l’autoconsumo, frutteti, spazi alberati, spazi per attività all’aperto), sostanzialmente riconducibile ad una zona agricola o a verde privato all’interno di ambiti insediativi urbani, con una funzione di interruzione del territorio edificato quale elemento qualificante il paesaggio e di supporto alla rete ecologica, non contraddice la tipizzazione delle zone omogenee, né è ascrivibile ai vincoli ablatori, atteso che essa non è prodromica all'espropriazione e non è ostativa alla fruizione del fondo da parte del proprietario, il quale vedrà limitata esclusivamente la propria facoltà di godimento dello stesso.

 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a :