OCCUPAZIONE DE FACTO: CONTROVERSIA DEVOLUTA AL GIUDICE ORDINARIO

Allorché la posizione del privato sia stata compromessa da un mero comportamento della Pubblica Amministrazione, svincolato dall’esercizio di un potere amministrativo concessole dall’ordinamento (come nell’ipotesi di assoluta carenza della dichiarazione di pubblica utilità), la posizione soggettiva attiva del privato medesimo non è configurabile quale interesse legittimo (che, per sua natura, presuppone l’esercizio di un potere amministrativo), bensì come diritto soggettivo, con la conseguenza che il giudice innanzi al quale il privato dovrà agire a tutela della propria pretesa è il Giudice Ordinario.

 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a :