LA PRESENZA DI DIRITTI EDIFICATORI STERILIZZA L'INDENNIZZO DA REITERAZIONE DEL VINCOLO

Nonostante la localizzazione di un’infrastruttura sportiva di rilevanza intercomunale, ove non sia soppresso l’esercizio dello ius aedificandi, atteso che ai proprietari è offerta l’alternativa di cedere le aree al Comune fruendo di un indice edificatorio stabilito dal piano, spendibile in altri ambiti, va escluso che si ricada nello schema ablatorio-espropriativo, non potendosi ravvisare una situazione di mera soggezione nei confronti dell’esercizio del potere espropriativo da parte dell’Amministrazione, senza alcuna possibilità per i proprietari di trarre un’utilità dal proprio fondo. Ciò sempreché l’alternativa all’espropriazione astrattamente offerta dallo strumento urbanistico sia effettivamente praticabile, senza che l’indice di utilizzazione territoriale attribuito all’area risulti irrisorio e difficilmente utilizzabile, tanto da vanificare, in concreto, la portata di quella previsione astratta.

 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a :