•  

    LA REALIZZAZIONE DEL MARCIAPIEDE NON CONFIGURA IRREVERSIBILE TRASFORMAZIONE DELLA STRADA

    Non configura irreversibile trasformazione di una strada la mera realizzazione di un marciapiede, costituente manufatto accessorio, vieppiù ove non consti un qualsiasi provvedimento amministrativo che riveli l'intendimento del Comune di appropriarsi della strada e/o di trasformarla in strada pubblica e/o d'includerla nell'elenco delle strade e di asservirla (anche di fatto). Tale situazione è quella dell'art. 936 c.c. in cui ai proprietari è data facoltà di reagire contro il comune se autore dei manufatto marciapiedi per farlo rimuovere; e contro i terzi per impedirne il passaggio, ma non quella della trasformazione della natura della strada ovvero della sua irreversibile trasformazione.

     Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.

    Vai a :