•  

    L'ASSENZA VIZIANTE DELLA DICHIARAZIONE DI P.U. PUÒ DISCENDERE DALLA CONSEGNA DEL BENE FRUTTO DI UN ACCORDO AMICHEVOLE

    L’esistenza o meno della dichiarazione di pubblica utilità rappresenta di volta in volta il discrimine fra le controversie conoscibili dal giudice amministrativo e quelle, invece, riservate alla cognizione del G.O. L’assenza della dichiarazione di p.u. può derivare da una consegna e susseguente occupazione del terreno frutto di un accordo amichevole fra i proprietari e la pubblica amministrazione, sia pure concluso sul presupposto che l’amministrazione avrebbe provveduto a perfezionare l’acquisto. L'eventuale apposizione di un vincolo espropriativo di per sé non equivale a dichiarazione implicita di pubblica utilità.

     Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.

    Vai a :