•  

    INERZIA NELLA RIPIANIFICAZIONE DEL VINCOLO ESPROPRIATIVO DECADUTO: IL COMUNE PAGA I DANNI

    Sorge l'obbligo di risarcimento del danno subito a causa della mancata o tardiva attribuzione di una nuova destinazione urbanistica ai terreni di privati assoggettati a vincolo urbanistico decaduto in ordine alla cui ripianificazione l'amministrazione sia stata inadempiente. Questa illegittimità, derivante dalla violazione delle regole proprie dell'azione amministrativa, quali desumibili sia dai principi costituzionali d'imparzialità e buon andamento, sia dalle norme di legge ordinaria in materia di celerità, efficienza, efficacia e trasparenza, è soggettivamente imputabile all’Amministrazione comunale quando la mancata ripianificazione si protragga per un lungo periodo di tempo, nonostante i solleciti della proprietà e l’assenza di cause ostative all’esercizio della propria potestà regolatoria da parte del Comune.

     Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.

    Vai a :