LA QUALITÀ DI FITTAVOLO DEVE RISULTARE DA CONTRATTO VALIDO ED EFFICACE

Perché possa farsi luogo al riconoscimento dell’indennità aggiuntiva di cui all’art. 17, co. 2, l. n. 865/1971 (e, dunque, ove trattasi di occupazione cd. acquisitiva, ai fini del risarcimento del danno), occorre che la qualità di “fittavolo, mezzadro, colono o compartecipante” risulti da contratto valido ed efficace, non potendo rilevare mere situazioni di fatto, consistenti in occupazioni sine titulo del fondo da parte del privato, ovvero in “proroghe di fatto” di precedenti rapporti contrattuali del cui momento genetico non si fornisca prova certa.

 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a :