IN SEDE DI ADOZIONE DEGLI STRUMENTI URBANISTICI NON È NECESSARIO L'ESAME PUNTUALE DELLE OSSERVAZIONI DEI PRIVATI

Ai fini del rispetto del principio del contraddittorio procedimentale in sede di adozione di strumenti di urbanistici non è necessario l’esame puntuale delle osservazioni dei privati, risultando sufficiente che risulti dagli atti come le stesse siano state valutate e ritenute non idonee a orientare diversamente la soluzione adottata dall’Amministrazione. Le osservazioni dei privati, in materia di pianificazione urbanistica, non costituiscono infatti rimedi giuridici bensì un apporto collaborativo) alla formazione dello strumento urbanistico, in funzione di interessi generali e non individuali, e non danno luogo a particolari aspettative, con la conseguenza che il loro rigetto non richiede una dettagliata motivazione.

 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a :