Notizie

 
Testo:
  [Accesso riservato agli abbonati]


TUTTE LE NOTIZIE

  
 Pagina  di 578   

NECESSARIO IL GIUSTO PROCEDIMENTO PRIMA DEL DECRETO DI AUTORIZZAZIONE PROVVISORIA ALL'ELETTRODOTTO
05/12/2005
I decreti di autorizzazione in via provvisoria degli elettrodotti di cui all'art.113 T.U. 11 dicembre 1933 n.1775 hanno non solo efficacia di dichiarazione di indifferibilità ed urgenza ma anche di pubblica utilità, e pertanto debbono contenere i termini di cui all'art. 13 della legge 2359/1865.

ALL'AGO L'AZIONE DI REINTEGRA IN CASO DI OCCUPAZIONE USURPATIVA
05/12/2005
Esula dalla giurisdizione amministrativa un'azione possessoria ai sensi dell'art. 1168 c.c., esperita in reazione ad un comportamento di occupazione usurpativa riconducibile ad un mero comportamento, a differenza dell'occupazione riconducibile all'esercizio di una pubblica potestà (ancorché illegittimo) e quindi ad una dichiarazione di pubblica utilità, anche se contestata sul piano della legittimità.

LA DESTINAZIONE A VIABILITA' DECADE, IL VERDE, LE ATTREZZATURE SCOLASTICHE E SPORTIVE NON DECADONO
05/12/2005
Le destinazioni a servizi (verde, arredo stradale, verde sportivo attrezzature scolastiche e attrezzature sportive a carattere urbano) non decadono, con l'eccezione della viabilità.

IL PROGETTO PRELIMINARE NON E' IMPUGNABILE
05/12/2005
L'approvazione del progetto preliminare di un'opera pubblica non è atto autonomamente impugnabile, in quanto solo il progetto definitivo è immediatamente lesivo della posizione giuridica dei privati.

LA ZONA F ATTREZZATURE SCOLASTICHE DECADE
05/12/2005
Una destinazione F1 "zona destinata all'insediamento di attrezzature per l'istruzione superiore dell'obbligo" è un vincolo soggetto a decadenza.

SCOMPARSA L'ACCESSIONE INVERTITA, SUSSISTE L'INTERESSE AD IMPUGNARE UN DECRETO DI ESPROPRIO TARDIVO
05/12/2005
Poiché da un comportamento illegittimo non può discendere l'acquisto di un diritto (contrastando l'accessione invertita con il principio di legalità), permane in capo al proprietario l'interesse ad impugnare il provvedimento che, pur in presenza della realizzazione dell'opera pubblica, disponga l'espropriazione del terreno nonostante l'avvenuto annullamento giudiziale dell'occupazione.

AL GA IL RISARCIMENTO DEL DANNO PER UN'OCCUPAZIONE DIVENUTA ILLEGITTIMA
05/12/2005
Compete al giudice amministrativo la cognizioni delle liti che abbiano ad oggetto diritti soggettivi quando la lesione di questi ultimi derivi dall'esplicazione del pubblico potere, pur se in un momento nel quale quest'ultimo risulta ormai mutilato della sua forza autoritativa per la sopraggiunta inefficacia disposta dalla legge per la mancata conclusione del procedimento.

MESTRE 1/12/2005 - WORKSHOP SUL VALORE AGRICOLO MEDIO
01/12/2005
Il primo dicembre 2005 all'hotel Bologna di Mestre-Venezia, si è tenuto un workshop nazionale incentrato sulle complesse problematiche discendenti dal valore agricolo medio e più in generale afferenti alla quantificazione dell'indennità nelle aree agricole.

IL CRITERIO ANALITICO-RICOSTRUTTIVO NON E' SUSSIDIARIO RISPETTO A QUELLO SINTETICO-COMPARATIVO
29/11/2005
il criterio analitico- ricostruttivo è idoneo ad esprimere il valore di un determinato terreno soprattutto allorquando debbano applicarsi i criteri di stima dell'art. 5 bis, poichè esso muove dalle caratteristiche specifiche del fondo espropriato, depurando il valore dell'edificio dal costo di costruzione per pervenire al valore dell'area, attesa la sua qualificazione urbanistica (edificabilità legale), comprensiva dell'entità volumetrica esprimibile dalla superficie a disposizione.

RISTORO INTEGRALE AL PREGIUDIZIO DERIVANTE DALL'OPERA AL BENE NON ESPROPRIATO
29/11/2005
Il danno ex art. 46 L. 2359/1865 non va commisurato a criteri predeterminati dal legislatore, come avviene per la stima dell'indennità di esproprio (o di asservimento), ma al variabile pregiudizio effettivo ed attuale subito dal proprietario del fondo.

L'OMESSA INDICAZIONE DEI RIMEDI GIURISDIZIONALI NON VIZIA L'ATTO
29/11/2005
L'omessa indicazione del termine e dell'autorità cui ricorrere non incide in alcun modo sulla legittimità del provvedimento finale, assumendo rilievo, se del caso, soltanto per l'eventuale riconoscimento dell'errore scusabile ai fini della rimessione nei termini di impugnazione.

IN MATERIA ESPROPRIATIVA IL TERMINE PER LA NOTIFICA NON E' DIMEZZATO
29/11/2005
Il principio secondo cui è dimidiato il termine per depositare il ricorso, trova applicazione generalizzata nei casi previsti e le eventuali eccezioni debbono essere espressamente previste nella stessa normativa che richiami quel rito.

UN IMMOBILE ADIBITO A ISTITUTO SCOLASTICO PROVINCIALE, SE IN LOCAZIONE, E' ESPROPRIABILE
29/11/2005
Manca il requisito soggettivo della proprietà del bene da parte del soggetto pubblico, requisito che, insieme a quello funzionale (oggettiva e concreta destinazione), risulta indispensabile per ritenere il bene stesso appartenente al patrimonio indisponibile della Provincia.

IN TOSCANA IL VINCOLO PREORDINATO ALL'ESPROPRIO STA NEL REGOLAMENTO URBANISTICO
29/11/2005
Nel sistema vigente in Toscana il regolamento urbanistico costituisce uno strumento conformativo della proprietà privata, assolvendo alla funzione di localizzare l'opera e le aree di proprietà privata.

L'OCCUPAZIONE USURPATIVA PURA RIENTRA NELLA GIURISDIZIONE DELL'AGO
29/11/2005
Un'occupazione in assenza di una valida ed efficace dichiarazione di pubblica utilità costituisce un comportamento estraneo alla giuriddizione del giudice amministrativo.

ART. 16 : CORRE L'OBBLIGO DI PRONUNCIA SULLE OSSERVAZIONI
28/11/2005
Ai sensi dell'art. 16 drp 32772001, l'Autorità espropriante, in presenza di osservazioni, è tenuta a pronunciarsi sulle stesse con atto motivato.

TAR BS 25/10/2005 - IL DIVIETO D'ACCESSO NON PROVA L'INESISTENZA DEL DIRITTO DI USO PUBBLICO
27/11/2005
Una strada rientra nella categoria delle vie vicinali pubbliche quando: a) il passaggio è esercitato jure servitutis pubblicae da una collettività di persone appartenenti ad una comunità territoriale; b) la strada è idonea a soddisfare esigenze di generale interesse; c) esiste un titolo valido a sorreggere l'affermazione del diritto di uso pubblico (es. uso da tempo immemorabile).

TAR BS 10/10/2005 - I VAM NON POSSONO TENER CONTO DI PICCHI DI MERCATO DIPENDENTI DA PRATICHE NON AGRICOLE
24/11/2005
I VAM sono una semplificazione statistica riferita al prezzo di mercato dei terreni, ma deve essere pur sempre omogenea al valore agrario indicato all'art. 40 comma 1 del DPR 327/2001, dunque scevro dalla possibile o effettiva utilizzazione dei terreni diversa da quella agricola.

TAR BS 10/10/2005 - BRESCIA: DOPO I VAM 2003 LA COLDIRETTI OTTIENE L'ANNULLAMENTO ANCHE DEI VAM 2004
24/11/2005
I VAM devono rispecchiare il prezzo che potrebbe essere pagato sul mercato in relazione all'uso agricolo un determinato fondo in una determinara regione agraria.

TAR BS 13/09/2005 - LEGITTIMO ESPROPRIARE PER ALLARGARE UNA STRADA DI CUI SIA CONTESTATO L'USO PUBBLICO
24/11/2005
È nella facoltà dei proprietari tentare di recuperare un dominio pieno sul fondo utilizzato da altri ma l'atteggiamento unilaterale non comporta da solo l'effetto di cancellare il possesso o i diritti esercitati dai terzi.

  
 Pagina  di 578